Festa dei lavoratori, saracinesche abbassate a Campobasso. Colagiovanni: “Festa simbolica, ma che deve far riflettere”

Parcheggi via Mazzini, Colagiovanni e Bucci decidono con i commercianti gli orari per la sosta
aprile 5, 2016
Corpus Domini, l’assessore Colagiovanni incontra la Polizia Municipale e le associazioni per garantire sicurezza e decoro
maggio 20, 2016
Mostra tutto

Festa dei lavoratori, saracinesche abbassate a Campobasso. Colagiovanni: “Festa simbolica, ma che deve far riflettere”

Si avvicina la festa dei lavoratori, che quest’anno ricade di domenica. Attività chiuse nel capoluogo molisano, come ha annunciato in una nota stampa, l’assessore alle Attività Produttive, Salvatore Colagiovanni.

“A parte qualche eccezione, le attività commerciali di Campobasso resteranno chiuse domenica 1° maggio. La mia struttura ha sentito i rappresentanti della piccola, media e grande distribuzione ed è stato raccolto il mio appello di onorare la festa dei lavoratori”.

“Mi compiaccio – spiega Colagiovanni – con gli esercenti le attività commerciali, che raccogliendo il mio invito permetteranno ai propri dipendenti di restare a casa nel giorno in cui si ricordano i grandi traguardi raggiunti dai lavoratori in campo economico e sociale. Una festa, seppur simbolica, dal forte significato, soprattutto nel periodo in cui viviamo”.

“Io mi schiero dalla parte dei lavoratori rispetto a questo modello di consumo – rimarca l’assessore comunale alle Attività Produttive – che anche a Campobasso vede aperture, soprattutto della grande distribuzioni, in quasi tutti i giorni festivi del calendario. Nella maggior parte dei casi, il riscontro economico, secondo quello che mi riferiscono i dipendenti delle attività commerciali, non sono consoni alla giornata festiva trascorsa al lavoro. Si nega, con questo modus operandi, una consona vita familiare e sociale ai nostri concittadini, che sono costretti a sopportare di tutti, in barba ai diritti conquistati negli scorsi decenni e che sono alla base della festa del 1° maggio”.

“È giusto che i miei concittadini riposino il 1° maggio – conclude Colagiovanni – Servirà a poco, ma occorre iniziare a prendere coscienza che ai lavoratori debba essere restituita quella dignità, spesso, negata”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: